Il progetto nasce dall'osservazione delle diverse realtà internazionali, soprattutto statunitensi, che da anni utilizzano la simulazione come strumento per la formazione dei medici e del personale sanitario. L’idea è quella di riportare in medicina pratiche di simulazione già ampiamente sperimentate in altri ambiti, come ad esempio in aeronautica per la formazione pratica dei piloti. Il principio su cui si basa la formazione con simulazione è quello di utilizzare tecniche, sperimentare situazioni, mettersi alla prova senza correre il rischio di nuocere a qualcuno. Provare per sbagliare. E sbagliare per imparare.

 

Oltre alla possibilità di ricreare situazioni virtuali, la simulazione offre anche l’opportunità di filmare e poi rivedere quanto è accaduto per commentarlo insieme all’insegnante del corso. E’ così possibile capire e valutare quanto è stato fatto e quanto si sarebbe potuto fare per ottimizzare la situazione. Individuare i punti di forza del team ma anche quelli di debolezza al fine di correggere le pratiche inesatte. I filmati possono essere seguiti anche da altri studenti in diretta per poi discutere eventuali azioni da migliorare, sia dal punto di vista tecnico che relazionale.